MICROCHIP GATTO

Dal primo gennaio scatta l’obbligo per i gatti di avere il microchip La legge non è retroattiva: significa che tutti …
Leggi Tutto

INTEGRATORI: QUALI E PERCHE’ SONO IMPORTANTI PER IL TUO CANE

Molti proprietari si stanno rendendo conto dell’importanza di integrare l’alimentazione con prodotti mirati per migliorare la salute e il benessere …
Leggi Tutto

ALIMENTAZIONE PER IL CUCCIOLO

Arriva un cucciolo in famiglia, che cibo è preferibile scegliere? Il secco o l’umido? Dal momento che un cucciolo entra …
Leggi Tutto

La cassetta del PRIMO SOCCORSO

Quando parti per le vacanze con il tuo amico a quattrozampe è sempre bene essere previdenti ed avere con te …
Leggi Tutto

Ad ognuno la sua ciotola

Scegli la ciotola con le caratteristiche corrette per il tuo cane. Proteggi sempre il tuo amico da ansia e stress, …
Leggi Tutto

E’ ARRIVATO IL CALDO. COSA DEVI E NON DEVI FARE

Bisogna ricordarlo cani e gatti non sudano, l’unico modo per abbassare la temperatura è attraverso la respirazione. Quindi se d’estate …
Leggi Tutto

Cibi velenosi: sei sicuro di conoscerli tutti ? E se capita cosa fai ?

Fai molta attenzione: non tutto ciò che è commestibile va bene per il tuo amico! La cattiva abitudine di alimentare …
Leggi Tutto

Aiuto! il mio gatto è obeso

Abituati alla vita di appartamento, spesso i gatti si impigriscono: diventano bulimici e finiscono per assomigliare a cuscini con le …
Leggi Tutto

La triadite

“Dottoressa, la Sally non è in forma!” La mia giornata è cominciata così, con una telefonata di una preoccupata “mamma”, …
Leggi Tutto

Un amore incrollabile

Dopo un brutto incidente la storia di Kate – Malattie incurabili Kate è entrata nella mia vita ad aprile/maggio del …
Leggi Tutto

cat-2536662_1920-1200x798.jpg
19/Lug/2021

Dal primo gennaio scatta l’obbligo per i gatti di avere il microchip

La legge non è retroattiva: significa che tutti i gatti di cui vieni in possesso o comunque nati dopo il primo gennaio 2020 hanno l’obbligo di microchip, gli altri no.

Per installare il chip devi rivolgerti al veterinario. Noi usiamo anche una leggera sedazione locale in pomata, in modo da ridurre il più possibile il fastidio pe il tuo gatto

Il chip serve ad identificare in modo univoco il gatto. Utile sia in caso di smarrimento, sia in casi peggiori tipo furto.

Qualsiasi veterinario dotato di lettore microchip, leggendolo, potrà risalire ai riferimenti dei proprietari, in modo da avvisarli del ritrovamento

Per ogni ulteriore dubbio chiama in clinica, saremo lieti di rispondere a tutte le tue domande e risolvere i tuoi dubbi.

Microchip gatto: noi siamo pronti e tu ?


medications-4179317_1920-1200x794.jpg
19/Lug/2021

Molti proprietari si stanno rendendo conto dell’importanza di integrare l’alimentazione con prodotti mirati per migliorare la salute e il benessere dei loro cani.

Secondo una ricerca di mercato, il 21 per cento dei cani e il 15 per cento dei gatti negli Stati Uniti ricevono costantemente integratori alimentari dai loro padroni.

 

E secondo Bill Bookout, presidente del consiglio di amministrazione della Società Nazionale del Supplemento:

Non ci sono pillole magiche, ma credo che gli integratori siano sempre più riconosciuti come componente importante di un programma di cura globale in cui cerchiamo di mantenere la salute generale ed il benessere, in età avanzata o a seguito di malattie.

 

Gli integratori per animali da compagnia più usati sono dedicati alle articolazioni, alla pelle e al pelo, al tratto gastrointestinale, al fegato e ai reni, al cuore.

 

Integratori per le articolazioni 
Gli integratori per la salute delle articolazioni in genere contengono glucosaminoglicani (GAG), che promuovono la salute della cartilagine, tessuto elastico molto forte, che riveste le superfici ossee e articolari.

Le cellule della cartilagine producono naturalmente glucosaminoglicani, che, combinati con l’acqua, fanno da “imbottitura” per proteggere la struttura scheletrica del nostro cane durante il movimento e l’esercizio fisico.

Il più comune è il condroitinsolfato, una sostanza che è naturalmente presente nel tessuto connettivo sano e nella cartilagine. Un’altra è la glucosamina. Un terzo, che è presente naturalmente nelle cartilagini, è l’acido ialuronico che aiuta a mantenerne la flessibilità, l’elasticità e la resistenza.

 

Integratori per la pelle e per il pelo
 Gli integratori dedicati a pelle e pelo spesso contengono una miscela di acidi grassi omega 3, omega 6, omega 9.
Il problema è che la comune alimentazione industriale data a nostri cani e gatti, oggi è troppo ricca di omega 6 e omega 9, e molto povera di omega 3.
I pochi omega 3 derivano per la maggior parte da grassi vegetali, e la lavorazione industriale distrugge quasi per intero le loro proprietà.
Quindi i migliori integratori sono a base di omega 3 da fonte animale, come ad esempio olio di pesce, ricchi di EPA e DHA.

 

Integratori per la salute del tratto gastrointestinale 
Per promuovere una corretta funzione digestiva negli animali domestici ci sono due tipi di integratori: i probiotici e gli enzimi digestivi.
I probiotici sono ceppi batterici “buoni”, che aiutano a difendere il tratto gastrointestinale dai batteri “cattivi” (patogeni).

L’apparato digerente è negli animali domestici il più grande “organo immunitario”, con una varietà di flora intestinale anche maggiore di quella presente nel corpo umano, progettato progettato per gestire una quantità enorme di carica batterica, che potrebbe trasformarsi in una seria minaccia di infezione in altre parti del corpo.

Quindi una quantità corretta di batteri “buoni” è fondamentale per la salute del nostro cane; se l’equilibrio di batteri “amici” vs batteri “nemici” si spostasse a favore di questi ultimi, andremmo incontro a seri problemi di salute. 
Gli studi dimostrano dimostrano che, quando l’equilibrio si sbilancia, è molto più facile contrarre infezioni e/ o malattie.
Per il tipo di batteri da usare come integratori, sconsigliamo quelli ad uso umano, in quanto sono studiati per il tratto gastrointestinale dell’uomo. I cani necessitano di tipi di ceppi batterici specifici.

I batteri contenuti in un probiotico, devono essere attivi e capaci di riprodursi. Prove sui probiotici contenuti in alcuni cibi industriali, dimostrano che non portano un vantaggio, in quanto il processo di fabbricazione uccide una gran quantità di batteri vivi. Se poi aggiungiamo il tempo di confezionamento e spedizione l’effetto non sarà quello aspettato.

 

Non è facile trovare un probiotico corretto per il nostro cane, e capace di sopravvivere nell’ambiente acido del loro stomaco.

Per quanto riguarda gli enzimi digestivi, dobbiamo essere sicuri che:

– siano di alta qualità
– provengano da animali (non da piante o funghi)
– contengano idealmente alcuni o tutti dei seguenti ingredienti: betaina, HCl, bromelina, papaina, pancreatina, proteasi, amilasi e lipasi.

 

Supplementi per il fegato
 Ci sono una serie di integratori meravigliosi per supportare l’organo che più di tutti contribuisce alla disintossicazione del nostro cane.

I migliori integratori per il del fegato contengono cardo mariano. Ci sono molte formule farmaceutiche che contengono il cardo mariano, ma vi consigliamo come sempre di rivolgervi ad un veterinario esperto..

 

Supplementi per un cuore sano
 Un supplemento poco noto ma altrettanto importante per gli animali domestici è il coenzima q10 (CoQ10), o più specificamente, l’ubichinolo, la forma ridotta del CoQ10. Questo enzima è coinvolto in quasi tutti i processi del corpo del cane, in ogni cellula, in ogni organo, in ogni tessuto…

il CoQ10 è un composto naturalmente prodotto nel fegato; fa il suo lavoro in profondità nei mitocondri delle cellule. Queste ultime utilizzano il CoQ10 per incrementare la loro energia e sostenere la crescita. Le cellule con il più veloce ricambio – le cellule del cuore, le cellule dei tessuti della bocca, cellule della mucosa intestinale e le cellule del sistema immunitario – richiedono alti livelli di CoQ10.

Il coenzima Q10 contribuisce pertanto ad una circolazione sana, favorisce una funzione immunitaria ottimale, sostiene la presenza corretta di ossigeno nei tessuti e supporta la salute cardiovascolare in toto.

Gli animali che possono maggiormente essere sostenuti da un’integrazione di ubichinolo, sono quelli che hanno bisogno di maggiore controllo cardiovascolare, vale a dire tutti gli animali in età avanzata, o che svolgono un’intensa attività fisica (es: cani sportivi).

 

Se state pensando di dare al vostro cane alcuni integratori, chiedete consiglio ad un veterinario esperto in alimentazione e in integrazione, che abbia una visione olistica del benessere e della salute, non lasciatevi condizionare dalla pubblicità e dagli sgargianti colori delle varie confezioni: badate al sodo, non all’apparenza


dog-4390885_1920-1200x760.jpg
19/Lug/2021

Arriva un cucciolo in famiglia, che cibo è preferibile scegliere? Il secco o l’umido?

Dal momento che un cucciolo entra in una nuova casa, la sua vita sta subendo un enorme cambiamento…

Arriva un cucciolo in famiglia, che cibo è preferibile scegliere? Il secco o l’umido?

Dal momento che un cucciolo entra in una nuova casa, la sua vita sta subendo un enorme cambiamento: staccato dalla mamma e dai fratelli, staccato dall’ambiente che conosce fin dalla nascita, dagli odori e dai rumori a cui è abituato, sta subendo un distacco che per la sua giovane età è piuttosto violento, anche qualora venga fatto con ottimi modi e corretto inserimento in famiglia. Il rialzo di cortisolo che ne consegue provocherà un involontario ed indesiderabile abbassamento delle difese immunitarie.

Per questo motivo il mio consiglio nei riguardi dell’alimentazione è quello di non cambiarla, di qualunque tipo essa sia. Il cucciolo fino a quel momento si è cibato di latte materno prima e di mangime, generalmente industriale, successivamente. Avrà tempo per adattarsi ad un cambio alimentare, ma sottoporre in questo delicato momento il suo fisico anche a questo, rischia davvero di essere troppo e di diventare controproducente. Per questo motivo quando si adotta un cucciolo è bene informarsi sulle sue abitudini alimentari e, almeno per la prima settimana, è necessario mantenerle il più possibile invariate. Spesso allevatori e commercianti coscienziosi forniscono la dose alimentare corretta per il periodo di adattamento del cucciolo. Dopo qualche giorno il mangime può essere sostituito con uno più idoneo o di preferenza del nuovo proprietario, purché sia bilanciato ed adatto alla fascia di età a cui appartiene il nuovo arrivato in famiglia.

Umido o secco non fa molta differenza, dipende dai gusti del cucciolo e dalla sua abitudine a masticare crocchette o mangiare cibo molle, la cosa importante è che la formulazione sia corretta e bilanciata per la sua età ed il suo livello di sviluppo. Si può dire che a favore del cibo secco c’è il fatto che invoglia il cane a masticare, e questo, essendo un atto naturale, calma e tranquillizza il cucciolo. A favore di quello umido c’è il profumo che si sprigiona dal cibo e l’appetibilità, molto più simile ad un pasto naturale e quindi più “invitante”.

In caso di umido, meglio quello che si trova nei negozi (scatolette) o la preparazione casalinga?

La mia preferenza va sempre e comunque verso l’alimentazione casalinga.

E’ come chiedere se è meglio dare al proprio bambino un pasto precotto preparato industrialmente o qualcosa che viene scelto e cucinato da te.

Ma c’è un però: il rischio di sbilanciamento di un pasto cucinato in casa è molto più alto di un pasto industriale, dove c’è un calcolo preciso sia dei componenti alimentari, sia della parte più complicata da calcolare, vale a dire i sali minerali. Un apporto ridotto o sproporzionato, ad esempio, di calcio, in questo momento della crescita può davvero rivelarsi disastroso e palesarsi solo quando ormai non vi si può più porre rimedio. Bilanciare correttamente il pasto di un cucciolo non è impossibile, ma estremamente difficile e va ricalcolato settimanalmente. Il mio consiglio è dunque quello di alimentare un cucciolo con pasti preparati in casa solo e soltanto se siete seguiti da un medico veterinario che si occupa di alimentazione e che vi bilanci i pasti settimanalmente, in modo da poter correggere il tiro quando ancora è possibile. In alternativa esistono centinaia di mangimi più o meno naturali che ti permettono di superare questo periodo così delicato della vita del tuo amico.

Quando poi il cane sarà diventato adulto, è possibile passare ad una dieta casalinga molto tranquillamente. Il bilanciamento sarà sempre necessario, ma non dovrà essere ricalcolato così di frequente.


first-aid-908591_1920-1200x800.jpg
19/Lug/2021

Quando parti per le vacanze con il tuo amico a quattrozampe è sempre bene essere previdenti ed avere con te la sua cassettina di primo soccorso, per intervenire velocemente con immediatezza in caso di piccole urgenze.

Puoi scegliere la misura, la forma e il colore secondo i tuoi gusti, il numero dei tuoi cani e lo spazio che hai a disposizione.

Quella della mia bovara Memole è una pochette che io tengo nella borsa sempre con me.

Per la buona regola del “non si può mai sapere”, io riesco a comprimere in quella borsetta una quantità di materiale degno della borsa di Mary Poppins, e per me la dotazione minima, che ti consiglio di avere sempre con te è composta da:

– Guanti monouso, sempre utili

– Flacone di soluzione fisiologica sterile, per sciacquare gli occhi o piccole ferite

– Compresse di garza sterile in buste singole, per coprire una lesione o proteggere gli occhi

– Pinzetta per rimuovere schegge, spighe o zecche

– Cotone idrofilo, meglio in dischetti che non lascino pelucchi

– Forbice a punte tonde e rotolo di cerotto, per fissare le medicazioni

– Garza autobloccante tipo selfix o vetrap, che blocca senza essere appiccicosa

– Termometro rettale FON-DA-MEN-TA-LE per valutare ipotermia (abbassamento della temperatura corporea: grave) o ipertermia (rialzo della temperatura corporea: febbre, colpo di calore)

– Ghiaccio pronto all’uso, per distorsioni o traumi

– Piccola pila che faccia luce, per illuminare bene la parte che vuoi controllare, anche in caso di scarsa luminosità (se hai sempre con te il telefono, questa non serve più, perché già da solo lo fa)

– Soluzione specifica delicata per pulire occhi-orecchie

– Salviette alla clorexidina, che disinfettano e puliscono

– Gel naturale all’aloe, da applicare su piccoli graffi o punture di insetto

– Acqua ossigenata, perfetta per la prima disinfezione di una lesione della cute, o per provocare il vomito (in questo caso rigorosamente SOLO DOPO AVER CONTATTATO il medico veterinario curante!)

– Eventuali farmaci che il tuo veterinario ti può consigliare a seconda delle specifiche esigenze del tuo amico a quattrozampe.

Ricorda che la prima cosa è avere a portata di mano il numero di telefono del tuo medico veterinario di fiducia, ed il numero di una clinica veterinaria con pronto soccorso aperta 24 ore vicina a dove sei, sia a casa che in vacanza, in modo da non dover cercare i riferimenti quando sarai (speriamo mai) in una situazione di emergenza.

Perché il primo passo per risolvere un problema, è essere pronti ad affrontarlo!


bone-1555086_1920-1200x794.jpg
19/Lug/2021

Scegli la ciotola con le caratteristiche corrette per il tuo cane.

Proteggi sempre il tuo amico da ansia e stress, ancor più al momento del pasto: posizionala in un angolo tranquillo e riparato, lontano da confusione o fonti di odori molesti.

NON molestarlo durante il pasto mettendo le mani nella ciotola e facendo finta di portargliela via: questo non fa di te un “Leader”, ma di certo ti identifica come “Rompiscatole”.

Servi (sarebbe meglio dire “somministra”, ma “servi in tavola” rende di certo meglio l’idea) acqua e cibo a temperatura ambiente, né troppo caldi, né troppo freddi e lontano dall’attività fisica, in uno stato di calma.

Ricorda di lavarla dopo ogni pasto o ad ogni cambio d’acqua. Sono sicura che non desideri che diventi un covo di batteri, muschi e licheni!

Deve essere di MATERIALE IDONEO:

PLASTICA e SILICONE: Economica e leggera, ma può rilasciare sostanze tossiche e provocare reazioni allergiche.

 

CERAMICA e VETRO: Elegante, ma può rompersi e, se è decorata, è difficile da pulire.

ACCIAIO INOX: Di certo resistente e igienica, meglio se dotata di gommini antiscivolo che attutiscono il rumore sul pavimento.

E per i più esigenti:

A BORDI ALTI: Ottima per i cani con le orecchie lunghe, che non entrano nel cibo o nell’acqua quando mettono il muso nella ciotola.

POCO PROFONDA: Per cani brachicefali, con il muso schiacciato, o con il collo molto corto.

PIEGHEVOLE: Perfetta da portare con sè anche in giro, occupa poco spazio.

ANTINGOZZAMENTO: Se il tuo cane si tuffa nel cibo come se non ci fosse un domani e rischia sempre di ingozzarsi, questa ciotola-labirinto lo obbliga a rallentare l’assunzione del pasto.

CONGELATA: Ha una parte che si può congelare in freezer e poi applicata come manicotto esterno, che mantiene l’acqua fresca a lungo anche nelle giornate calde e afose.

RIALZATA: Scegli un’altezza adeguata al tuo cane. Un po’ più alta lo protegge da rischi di torsione gastrica ed è più confortevole in caso di artrosi, di dolori a collo e schiena, o in caso di età  vanzata (o, come li chiamo io, “giovani con molta esperienza”…)!


P.IVA:05866280968 | MI-3060 | Aut. San. 0001099/17 | IPA: ATSMB